top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreMichele Micheletti

LE 14 FASI DEL RISVEGLIO SPIRITUALE (PRIMA PARTE)


Il risveglio spirituale è un cambiamento nello stato della coscienza che porta ad una maggiore comprensione del mistero della vita e dell’interconnessione di tutte le cose. Possiamo anche vederlo come un viaggio di crescita personale che porta l'individuo verso una profonda trasformazione.

L'illuminazione è uno stato dell'essere in cui ci si è completamente risvegliati nella nostra vera essenza e non si è più vincolati dalle limitazioni dell'ego. È uno stato di pura consapevolezza e beatitudine che va oltre le parole e i concetti.

Mentre il risveglio spirituale è l’inizio di questo viaggio iniziatico e di trasformazione, l’illuminazione è il suo l’obiettivo finale. La destinazione.


Esistono diverse fasi che si susseguono nel percorso del risveglio spirituale, ognuna con le proprie difficoltà. È importante notare che non tutti sperimenteranno tutte queste fasi del risveglio nello stesso ordine o nella stessa misura. Alcuni potrebbero saltarne del tutto alcune, mentre altri potrebbero trascorrere più tempo in determinati passaggi. Tuttavia, comprendere queste fasi può fornire un quadro di riferimento per coloro che intraprendono un viaggio spirituale.


1. Trovare la fonte della nostra sofferenza In questa fase iniziale dobbiamo esaminare la nostra vita per identificare i modelli di disagio attivi che causano sofferenza. L’obiettivo è riconoscere e iniziare a comprendere la causa principale del proprio dolore: fisico, emotivo, relazionale, insoddisfazione professionale. Potrebbe comportare l’esplorazione di traumi passati, problemi irrisolti nelle relazioni o convinzioni negative profondamente radicate dentro di noi. In questa fase non è necessario aggiustare nulla: dobbiamo semplicemente diventare consapevoli delle abitudini e degli automatismi che ci hanno portato alla sofferenza.


2. Mettere in discussione le convinzioni ed espandere la propria visione del mondo In questa fase si inizia a mettere in discussione le convinzioni e i valori, consolidati in noi, e il modo in cui questi stridono con la nostra nuova comprensione del mondo. In questa fase potremmo esplorare diverse religioni, filosofie e prospettive per acquisire una maggiore comprensione del mondo e del nostro posto in esso. È importante affrontare questa passaggio con una mente aperta e la volontà di esplorare nuove idee e considerare altri modi di pensare e di vivere. É facile provare un senso di disagio e confusione mentre cerchiamo di dare un senso a tutte queste nuove idee e concetti.


3. Interesse per la spiritualità e il misticismo Mentre continuiamo ad espandere la nostra visione del mondo, possiamo scoprirci attratti dagli insegnamenti spirituali e mistici. Emerge un forte desiderio di comprendere il significato della vita, di connetterci con qualcosa di più grande di noi stessi e di esplorare i misteri dell'universo. Alcune pratiche e insegnamenti comuni che le persone esplorano durante questa fase includono lo yoga e la meditazione, la guarigione energetica, la preghiera, lo sciamanesimo e la coltivazione della consapevolezza. Si avverte una profonda risonanza con determinati insegnamenti o pratiche. In realtà questa fase crea molta confusione e spesso il praticante viene distratto dal suo vero cammino. È importante fidarsi del proprio intuito, ma anche usare discernimento e fare ricerche approfondite quando si esplorano nuovi percorsi e insegnanti spirituali. Anche entrare in contatto con persone che la pensano allo stesso modo e che condividono il nostro interesse per la spiritualità può essere molto utile mentre esploriamo e approfondiamo il viaggio spirituale. Ciò fornirà un sistema di supporto per eventuali domande o dubbi che sorgono durante questo processo di trasformazione. Non aspettiamoci di capire tutto in una volta o di trovare tutte le risposte che cerchiamo in un unico posto. Il processo di risveglio spirituale è graduale e continuo e richiede pazienza, curiosità e apertura.


4. Contemplazione e autoriflessione Questa fase è caratterizzata da una maggiore solitudine e introspezione mentre cominciamo a esaminare la nostra vita in modo più profondo. Le giuste pratiche introspettive ci aiutano a acquisire una comprensione più profonda dei nostri pensieri e di come le emozioni modellano la nostra realtà. Con pazienza e auto-compassione attraversiamo questa fase con un senso più chiaro della nostra vera natura.


5. Confusione e disillusione Ad un certo punto del nostro processo di risveglio spirituale dubiteremo della validità delle nostre precedenti esperienze e ci sentiremo incerti sul concetto di spiritualità. Potrebbe essere difficile conciliare le esperienze interne con gli aspetti esterni della nostra vita e potremmo avere difficoltà a lasciare andare i sistemi di credenze. La frustrazione emerge in questa fase. Sentirsi confusi o disillusi è una parte normale del viaggio spirituale e può effettivamente offrire opportunità di crescita e trasformazione. E necessario rimanere pazienti, mantenere una mente aperta e cercare la guida di insegnanti spirituali, mentori e comunità esperti (attenzione alle sette e ai narcisisti sempre in agguato).


6. Arrendersi e accettare il momento presente

In questa fase iniziamo a capire che resistere a ciò che sta accadendo nella nostra vita provoca solo più sofferenza. Quando accettiamo e lasciamo andare il controllo sulla nostra vita, diventando più consapevoli del momento presente, potremmo provare sentimenti di pace e contentezza. Arrendersi e accettare il momento presente può essere difficile, soprattutto se siamo abituati a cercare di controllare tutto ciò che ci circonda. Questa fase richiede molta fiducia nei piani superiori e la convinzione che tutto accada per una ragione.


7. Intuizioni spirituali ed esperienze trasformative

Durante questa fase diventiamo consapevoli dell’interconnessione di tutte le cose e sperimentiamo un senso ampliato del sé e dello scopo superiore. In questa condizione possiamo ottenere una maggiore comprensione del viaggio della nostra anima mentre sentiamo una forte spinta verso l'adempimento della missione della nostra vita. Durante questa fase si possono sperimentare anche la trasformazione interiore e le intuizioni profonde che portano alla crescita personale e all’evoluzione spirituale. È essenziale avvicinarsi a questa fase con una mente aperta e con la volontà di esplorare queste esperienze senza giudizio, poiché l’intuizione e la trasformazione acquisite durante questo periodo possono avere un impatto significativo sul viaggio spirituale permanente.


12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page